Archivi del mese: settembre 2012

Per amore di un amore…

È bello quando si ricorda qualcuno pubblicando le sue cose, inedite o dimenticate… perché non lo si dimentichi, perché altri condividano l’amore che gli portiamo. Così meritoriamente Bruno Galasso pubblica la raccolta di poesie di sua sorella Tullia, prematuramente scomparsa. Canto naturale, con – in appendice – I miei canti orfici – è la testimonianza di quanto la maestra Galasso abbia vissuto la poesia, con la poesia, per la poesia. Quanto l’amasse – ed ecco che per amore di un amore il fratello dà alle stampe un libro importante e toccante.


Peraltro, Bruno Galasso pubblica in contemporanea, a completare l’atto d’amore per la famiglia, anche il diario di sua madre Ada Palumbo, dal titolo bellissimo e suggestivo: Come eravamo… col vento nei capelli!
Entrambe le pubblicazioni escono a cura del Centro Documentazione e Studi Cassinati. Due libri da biblioteca per coloro che ancora sono sensibili ai buoni sentimenti.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

PREMIO “IL PRESEPE” A PESCHE – LA CITTA’ PRESEPE

L’Associazione Turistica e Culturale “Pro-Pesche” con il patrocinio del Comune di Pesche (IS), indice la 10a edizione del Premio di Poesia “Il Presepe”. Due sezioni: A – Poesia adulti; B – Poesia riservata ai ragazzi fino a 17 anni. Tema: “Il Presepe”. Si partecipa facendo pervenire entro il 30.11.2012, uno o due componimenti inediti in 7 copie, tutte firmate e con nome, cognome, indirizzo, recapito telefonico, eventuale e-mail, al seguente indirizzo: Associazione Turistica e Culturale “Pro-Pesche”, Piazza Roveto – 86090 Pesche (IS). Ai fini della realizzazione dell’antologia, si prega di inviare i testi anche in formato elettronico all’indirizzo concorso.poesia@virgilio.it. Per la sezione B va indicata anche la data di nascita. La partecipazione è gratuita. Premi: Sez. A – 1° premio: € 400 e targa; 2° premio: € 200 e targa; 3° premio: € 100 e targa. Sezione B – 1° premio: € 150 e targa; 2° premio: € 100 e targa; 3° premio: € 50 e targa. Premiazione: Pesche, Sala Consiliare del Comune di Pesche in Piazza Don Sante Tommasini, 5.1.2013, ore 16,30. I premiati dovranno ritirare personalmente i premi loro assegnati. Giuria: Amerigo Iannacone (Presidente), Barbara Avicolli, Maria Benedetta Cerro, Ida Di Ianni, Giovanna Maj, Giuseppe Napolitano, Giulia Abbati (segretaria con diritto di voto). Informazioni, tel. 0865.460130 – 3896906440, fax: 0865.460363, posta elettronica: concorso.poesia@virgilio.it.

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Ancora sul QUADERNETTO

E’ una recensione di TITO CAUCHI e la propongo volentieri poiché mi sembra davvero che mi legga dentro.

Marcello Carlino, dell’Università La Sapienza di Roma, nella nota introduttiva al Quadernetto di Giuseppe Napolitano, esalta la forza prorompente del Poeta, spiegando che la sua scrittura fuoriesce breve, epigrafica, quanto aforistica. Coglie elementi che fanno accostare il Nostro al Montale per la brevità delle composizioni, al Petrarca per l’impronta autobiografica, a Pascoli per la freschezza d’animo, ad Ungaretti nella ricerca del suo percorso, con la voglia di scrivere che fa del poeta “savinescamente un dilettante impenitente”.
Dalla breve biografia posta in chiusura, si desume l’anno di nascita di Giuseppe Napolitano, nel 1949. Fondatore e curatore di una collana denominata “La stanza del poeta”; il suo primo quadernetto risale al 1970; è radicato nella provincia di Latina. Ad oggi ha pubblicato circa settanta opere. L’attuale Quadernetto è una riproposizione e un ampliamento di quello, tanto che si compone di tre parti che ricalcano tre titoli di altrettanti quadernetti: “Primo”, “Secondo”, “E poi”; credo senza alcuna frattura tra le parti. Una caratteristica della sua scrittura consiste nel non fare uso del punto fermo e nell’usare ad inizio verso i due punti. L’opera è dedicata “Alle custodi della mia bellezza Irene e Gabriella”. Giova seguirne le tappe.
Giuseppe Napolitano nell’incipit afferma in forma aforistica: “Essere/ poeta non basta” con questo punto di partenza si inoltra nei vari tentativi, dando libertà al desiderio di scrivere, ad erigere un tempio all’Arte, tanto che prosegue: “Poetare è scandagliare/ nel tempo a venire parole/ da farne collane e monili”. Sa che l’arte fa soffrire, ha bisogno di essere corteggiata come una sposa. Si chiede se non abbia sciupato la sorgente della ispirazione ed ora torna ad essa nell’incertezza degli esiti, vergando parole da lasciare a testimonianza di sé.
La buona poesia è come il buon pane, ma se si è affamati si rischia di non gustarla: a lui basta trarne diletto; così gioisce assaporando alcuni versi memorabili, come quelli foscoliani, o alla lettura de La coscienza di Zeno. Ma vive nel concreto, pur cambiando una maschera di stampo montaliano; la poesia è vita, ma le parole non possono essere confuse con essa. Riscontriamo una celata metafora sulla vita che si consuma oggi come un oggetto, come rifiuti speciali. Pensa a quando a casa sua si respirava la poesia di famiglia, suppongo padre madre e lui stesso.
Il Poeta sa che per fugare le paure, deve guardarsi dentro: una ‘metempsicosi’, in cui ritorna ugualmente in se stesso, come morire e rinascere “potrei/ assaporare/ in altre vite (quante!)/ i sogni e i rimpianti/ che ogni tanto mi cullano”. Sa che la vita è piena di sorprese, che occorre avere comprensione ed in questo si rivela fratello ed amico di quanti lo circondano. Quel poco che dice di sé, lo lascia in una traccia biografica, come in un gioco di parole sulla propria età “Trent’anni fa ne avevo 30 e mi sentivo/ padrone di uno sconosciuto mondo”, riflettendo sul tempo che trascorre e che ci conduce con sé. Torna in se stesso dopo essersi interrogato, eppure finge di percorrere altri luoghi e altri tempi, ma finisce per ritornare sui suoi passi.
Giuseppe Napolitano sgretola il discorso lirico e dissemina unità monotattiche intorno a un luogo mentale per esprimerlo attraverso una razionalità congelata, recuperando una poetica del correlativo oggettivo ricca di catene metonimiche molto efficaci per una destabilizzazione dell’omologato. L’Autore canta la incredibile leggerezza con cui andiamo incontro al destino laddove la poesia si incrocia ellitticamente con la vita vera con la sua lieve alonatura di sogno e di remoto silenzio.

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

IN CERCA DI POESIA PER IL MONDO…

Torna (è la seconda edizione) INTERNATIONAL POETRY COMPETITION “SEEKING FOR A POEM”, il concorso di poesia internazionale ideato dall’amico poeta di Sarajevo, già ospite della “stanza del poeta” a Gaeta l’anno scorso, Sabahudin Hadzialic.


Il concorso ha semplici modalità di partecipazione che si trovano (anche in Facebook) in rete.
DIOGEN e SEEKING FOR A POEM sono i riferimenti.
Buona partecipazione a tutti!

ECCO COMUNQUE IL PROGRAMMA IN INGLESE:

 

International Poetry Competition “SEEKING FOR A POEM”

You are invited to submit a poem for the International Poetry Competition “SEEKING FOR A POEM”, organized by the Association’ La Stanza del Poeta’ from Formia/Gaeta

(Italy) and DIOGEN pro culture magazine from Sarajevo (Bosnia and Herzegovina).

Please read ‘How to Guide’ bellow.

Step One

(1) Submit one poem of your choice and your short Biography, including your photo (color and/or black-white, 300 dpi, format 1200 x 800 pixels) by 30/11/2012. Submission should be sent to    seekingpoem@yahoo.com    

. The results will be published by 31/1/2013.

 Please note that you are required to provide a valid email address. All communications with you will be exclusively in writing and via email. It is important that you keep your

email address valid and active during the selection process so that we can communicate with you.

Step Two

(2) Your poem will be evaluated by our judges: poets Giuseppe Napolitano from Italy and  Sabahudin Hadžialić from Bosnia and Herzegovina. Having read and assessed your poem, the judges will make a decision to either publish it or decline publication.

 Step Three

 (3) The poems selected for publication will be uploaded on the competition website and the top three poems will be announced. All contestants are invited to visit the website and

review the results.

 Step Four

 (4) The top three poems will be also announced on web site of the Association’ La Stanza  del Poeta ‘ and DIOGEN pro culture magazine and published in the annual DIOGEN pro  

culture magazine No. 3. edition in March 2013.

 The one who won the first place will get CD with all issues in pdf. format of DIOGEN pro art magazine (25); DIOGEN pro culture magazine (2) and DIOGEN pro youth magazine 

Each winner will be presented with the opportunity to publish 20 poems of their choice in the third annual edition of DIOGEN pro culture magazine.

Each winner will get adequate certificate as it was back in 2011:

Each winner will get as a gift 30 different poetry books from the poets from all around the world until summer 2013.

We would like to thank you in advance for your devotion to the development of creative writing endeavors

Additional Contest Information

Who is Eligible?

Poets of all ages are eligible and all styles of poetry are acceptable.

How and When to Submit?

We ask that you submit your writings by November 30, 2012. Submissions are accepted via email to 

seekingpoem@yahoo.com

Submission Requirements

Poems must be original works.

Poems should be submitted ONLY in English, or the English translation must accompany the original.

The poet’s full name and email address must be provided.

The poet must be able to be notified via email if their poem has been selected for publication.

Guidelines

The judges will be looking for originality, rhythm, rhymes, and audience appeal.

The judges will be looking for poet’s passion about the subject topic of the poem or a novel approach to every day topics. 

Sincerely,

PR,

http://diogen.weebly.com

https://lastanzadelpoeta2.wordpress.com

 

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized